mercoledì 21 novembre 2012

Bai Jia Bei: per chi ancora osa sognare


Ieri è arrivata la prima stoffina per la mia Bai Jia Bei, la copertina dei sogni e dell'amore.

Grazie Diarista, non sai che emozione è stata aprire la busta: aveva il sapore di una caramella gommosa da scartare e il profumo della lavanda in giardino. E' bellissima e colorata. Nascosta dietro all'orsetto intravedo te, di cui so così poco, apparantemente lontana dalla mia vita e invece così vicina da osare farmi un regalo, da avere uno slancio beneaugurante per me e la piccola Intrepida.
Poi se la tua stoffina è arrivata proprio mentre il pavimento (metaforico) della mia azienda crolla... beh, un motivo ci sarà. E io, è risaputo, non credo alle coincidenze, ma le considero dei Segni che indicano la strada!

Ehm ehm, ecco, forse nel mio ultimo post mi son fatta prendere un po' troppo la mano dalla potenza evocativa dei sogni e ho dimenticato di spiegare cos'è la Bai Jia Bei. Che prima di Nina - una gran donna, un vulcano di idee, si sa - nemmeno io sapevo cosa fosse. Poi saltellando da un blog all'altro ho conosciuto Adelia - pure lei una grande, anche questo si sa - e la copertina è tornata nella mia vita.
Questa è la leggenda, leggetela e prendete quel che più si addice a voi:

L'ultima imperatrice della dinastia Qing, l'unica tra le concubine che aveva dato un erede all'imperatore, fu costretta ad abbandonare il suo bambino: per proteggerlo da ogni insidia pensò di chiedere a cento famiglie, tra quelle più in vista dell'Impero, di offrire ciascuna un pezzo della seta più bella; con i cento pezzi di stoffa ricevuti confezionò un lungo abito per suo figlio, cosicchè il principino fu simbolicamente rivestito dalla nobiltà, dalla fortezza e dalle virtù dei dei più valorosi rappresentanti dell’Impero. Così nacque in Cina la tradizione del Bai Jia Bei, usanza che perdura ancora oggi allo scopo di attirare sul bambino tutte le forze benefiche provenienti dalle persone che gli vogliono bene, in modo che sia protetto per tutta la vita dalle avversità.

Bai = 100 - Jia = Famiglie - Bei = da
Bai Jia Bei = Da cento famiglie


Io partecipo a questo progetto perché è una follia collettiva e perché credo che il cambiamento parta da noi. E' più semplice raggiungere i nostri sogni se ci teniamo stretti per mano, se ci incoraggiamo a vicenda, se ci sproniamo quando stiamo per mollare la presa, se proviamo ad allargare il nostro orizzonte con uno slancio d'affetto verso chi (ancora) non conosciamo. Che sia per il nostro bambino, che sia per noi, che sia per chi ci è vicino.. aiutiamoci l’un l’altra a realizzare la nostra Bai Jia Bei! Comprare e spedire una stoffina è un gesto da pochi minuti, unitevi a voi. Tutte le istruzioni - una sciocchezza facile facile, davvero - sono qui.

Ultima cosa: io sono una donna fortunata, una di quelle che nelle vita hanno avuto la BdC e crescono ogni giorno un meraviglioso Piccolo Uomo, aspettando l'Intrepida in arrivo. Sento però vicine le donne che hanno avuto esperienze più difficili o semplicemente percorsi diversi dal mio, non solo perché non dimentico il dolore di una pancia improvvisamente vuota, ma perché conosco e apprezzo l'Essere Madre/Padre in mille modi... che siano figli arrivati in tutta semplicità o nati grazie a cicogne mooolto tecniche, bimbi color cioccolata affidati a mani che li accudiscono con amore senza sapere che succederà tra qualche mese, figli nati oltremare e arrivati fin qui, bimbi che hanno un papà e una mamma ma che sono amati e cresciuti con altrettanto amore anche da chi mamma/papà non è, bimbi che si sono messi in viaggio ma che non sono riusciti ad atterrare tra le nostre braccia, figli che si sono già incamminati e noi ancora non lo sappiamo. Perché l'amore non conosce confini.

PS sempre in tema di coincidenze a cui non credo... chissà come mai avevo (insensatamente) comprato qualche metro in più della stoffina per Nina? Ragazze, tra poco spedisco, per me porta bene ;)

4 commenti:

  1. Qui "mamma che emozione" lo dico io :)
    Un post tutto per la mia stoffolina, che bello!
    Sono felice che sia arrivata..e anche che sia la prima, mi piace inaugurare così la tua BJB.
    E ti ringrazio per le parole, per la speranza, per tutto.
    Ne ho bisogno, e me ne nutro.
    Grazie, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva! Quante energie positive mettono in moto queste BJB!!!
      Mi fa molto piacere le mie parole siano nutrimento, grazie. Non ho dimenticato i momenti bui, quelli in cui davvero credevo non avrei mai più sorriso, poi la Vita mi ha sorpreso e son tornata a sorridere.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. brave brave
    scambiate con gioia :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!
      ma qui le adesioni non sono molte, pazienza, disogna imparare ad aspettare che i frutti arrivino ;)

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)