giovedì 2 ottobre 2014

Poche parole

Mamma, bbaccio.
In piedi sul fasciatoio si lancia giù nel vuoto, con le braccia allargate.
Il suo più che un abbraccio è una preparazione al bungee jumping e un allenamento per i miei riflessi.

Mamma, qui.
Resta seduta serafica, immobile, sorridente, lei che non sta mai ferma. Se ha detto qui è qui, niente compromessi.

Eo, tatteeee
Via di corsa a portare il latte a suo fratello. Perché Piccolo Uomo è una sorta di divinità, un essere superiore da riverire e infastidire in egual misura, che da lei ottiene giochi grattini baci e favori in cambio di qualche abbraccio (ndr solo lei ci riesce) e tanti giochi insieme.

Mamma, bau? bauu? bauuuuu????
E parte la caccia al tesoro alla ricerca di Bau, il cane di peluche che ci segue ovunque e che lei tiene sottobraccio come solo una piccola parigina terrebbe una baguette. Ovviamente Bau non è uno dei 20 peluche che le han regalato, è il pastore tedesco di suo fratello.

Mamma, ndae jù
Non riesco a dirle stai seduta che lei è già in piedi sul seggiolone con una gamba penzoloni o si divincola dalle mie braccia per correre in giardino, poi dietro a suo fratello, di nuovo nella stanza dei giochi per infine accucciarsi accanto al nostro gatto. E un attimo dopo si ricomincia.

Mamma, ibo!
Poi mi fa segno di sedermi per terra, incrociare le gambe e si accoccola al centro, che leggere un libro è farsi una coccola in tutti i sensi, l'ho imparato da lei.

Noooo?!?!?
Il suo non è un no secco e perentorio come quelli di Piccolo Uomo. Il suo è un no interrogativo, ascendente, stupito, quasi a voler dire: ma che domanda assurda mi stai facendo? cosa dici scusa? certo che no.

Cecè cokka mamma
Gattina è la cocca di mamma, bon, non aggiungerei altro.

Mamma, cucù bauuuuuuu
Ed esce dal suo nascondiglio. Sempre quello, tutti i giorni, alla stessa ora, nello stesso modo, quando al pomeriggio rientro dal lavoro lei mi viene incontro con lo sguardo furbetto e pronta a farsi sbaciucchiare.

Allora penso che sì, la mia bambina monella è un essere adorabile di poche parole ma che sa come prender le persone. Soprattutto sa farsi amare. Tesoro, tieni stretta questa meravigliosa qualità.



5 commenti:

  1. Che tenerezza!! Che bello vedere l'amore tra fratello e sorella (mi rincuora molto leggerti soprattutto ora che sta per nascere il fratellino ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, dai dai dai, che ormai ci siete. Qui c'è stata molta gelosia nei miei confronti all'inizio, ora molto meno. Certo una spinta (da lui) o un morso (da lei) scappano qualche volta, ma è incredibile e emozionante come si cerchino per tutta la giornata. Quando lui torna dall'asilo è sempre festa.
      Ti dico solo che stasera lei ha preso lo sciroppo solo perché lui l'ha convinta :) altrimenti sarei ancora col cucchiaino in mano eh eh

      Elimina
  2. Molto dolce la tua monella! e mi sembra che per il momento mostri un delizioso caratterino! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie effettivamente il carattere lo ha :)

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)