martedì 30 aprile 2013

Da FigliaUnica a Mammadi2: istruzioni per l'uso (parte 1)

Scrivo poco, pochissimo, portate pazienza, ma quando ho cinque minuti liberi cerco di dormire, lavarmi, giocare con Piccolo Uomo, leggere i vostri blog, cucinare, wazzappare le amiche. Non necessariamente in questo ordine.

Da diversi giorni ho in mente questo post ma non riesco ad arrivare al pc, santo iPhone adesso mi permette di trasformare i pensieri in parole mentre sfamo la Gattina. Guardate che tra pappa della pupa e febbrone del pupo son sveglia da quasi due ore e fuori è ancora piuttosto buio, quindi potrei essere più sconclusionata del solito, sorry.

Ecco, il mio vorrebbe esser un post di servizio, per chi come me è figlia unica e un giorno fa il salto e... oplà, diventa Mammadi2.
No, perché ve l'assicuro qui c'è parecchio da imparare!
E vi assicuro che specialmente nelle ultime settimane di gravidanza ho fatto le mie belle ricerche in rete, ma ho trovato poco. O forse non so cercare, boh. O forse la vita vera è un'altra cosa, ehm ehm.

Oggi partiamo dal principio.
Lesson number one: cosa vuol dire gelosia tra fratelli quando la differenza d'età è poca.
Ecco, forse son tonta io, ma pensavo che la gelosia tra fratelli fosse un dolore sordo nelle viscere del più grande che l'avrebbe portato a gesti inconsulti tipo cercare di soffocare la soejna fingendo di sbaciucchiarla, morderle i piedini con nonchalance o urlare come un forsennato in auto nel vedere un secondo seggiolino accanto al proprio.
E invece no, almeno qui a Villa Microbica.

Qui la gelosia ha una faccia più rosea, sbiadita, dai contorni sfumati, ma non per questo va fatta meno attenzione.

Qui la gelosia non è verso la soejna
verso la quale Piccolo Uomo è spesso e inaspettatamente premuroso e affettuoso (persino Hannibal Lecter si commuoverebbe a vederli), ma la gelosia è tutta nei confronti di mamma.
E fa fare cose strane, che a pensarci dopo fan tenerezza, ma sul momento sfiancano e fan vacillare le mie certezze.
Ad esempio Piccolo Uomo cerca di attrarre e reclama in ogni modo la mia attenzione: e così lo ho visto trasformarsi e incominciare ad alzare le mani per ribellarsi a mie richieste insensate come - che ne so - lavarsi le mani prima di pranzo, assaggiare le verdure che ha nel piatto o mettersi la giacca per uscir di casa, ahhh. E poi io contavo di dare in outsourcing a nonni e papà almeno il suo cambio dei pannolini e le operazioni mattutine di lava/vesti/pettina e invece no, se lo faccio io tutto fila liscio se no son capricci a go-go. Avete presente quanti pannolini cambio ogni santo giorno? Non ve lo dico, il numero fa paura, e sappiate che la scorsa estate gli avevo quasi tolto il pannolino e poi siam tornati indietro, vabbè.

La gelosia per la nuova arrivata fa anche fare però cose molto tenere, cambiando improvvisamente abitudini: a 30 mesi Piccolo Uomo ha iniziato a chiedere un bibe di latte prima della nanna, mi tiene la mano a lungo ed è sempre seduto accanto a me facendosi persino sbaciucchiare proprio lui che è allergico alle smancerie, diventa ubbidiente e mansueto quando io e lui da soli facciamo qualcosa, alle 4 di notte mi chiede di spalmare pure a lui la crema della soejna sul viso, perché forse voi non lo sapete ma secondo Piccolo Uomo la crema bio alla calendula non lenisce solo l'acne neonatale ma fa miracoli anche col febbrone che lui ha da ieri pomeriggio :)
E quante altre cose potrei dire!

Ecco, io non l'immaginavo affatto così, son figlia unica e perciò totalmente inesperta in materia. Questa forma di gelosia mi sfianca e affatica perché il tempo per me è sempre meno e le energie richieste sempre più, ma non appena passa la stanchezza mi emoziono e sorrido ancora di più: come si fa a non amare pazzamente i miei due piccoletti che ogni giorno mi insegnano qualcosa e sanno farmi diventare una persona migliore, più paziente e piena di energie?!?

Non faccio promesse da marinaio, ma appena riesco posto qualcosa anche sulle altre scoperte da neo-Mammadi2, come saper chiedere aiuto. Un must.

PS ringrazio i tanti che mi hanno incoraggiata e sostenuta in queste prime settimane di allattamento difficile: io e la Gattina facciamo grandi progressi, da 5 giorni non tiro il latte ed è tutta tettadimamma, yeppy yeh! Grazie anche a chi ha inventato i paracapezzoli, ih ih.

13 commenti:

  1. Ti ho premiata nel mio blog!
    Bacissimi http://inattesaditedaunavita82.wordpress.com/

    RispondiElimina
  2. Dimmi parole di incoraggiamento...e soprattutto dimmi che stai scherzando, perché qui ancora non e' nata, e la gelosia e' già in corso. Se provo a parlarne lui cambia discorso,ed a volte si mette pure a canticchiare!!!! Aiuto!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm ehm.., ogni storia è diversa, ogni bimbo è diverso. Io tu dirò son molto contenta di come amici, parenti e persino sconosciuti incrociati al bar o ai giardini siano attenti e premurosi con Piccolo Uomo: poche battute spiacevoli e molta sensibilità.
      Poi , se ti può essere d'aiuto, quando il piccoletto sclera io penso alle parole del nostro pediatra omeopata: troppa gelosia no, ma un pizzico non va male, significa che il bimbo esprime le proprie emozioni.
      E poi i nostri piccoletti stanno per cominciare la materna, dai gli farà bene confrontarsi col mondo "reale" fatto di altri piccoletti :)
      Teniamoci in contatto, il sostegno reciproco è fon-da-men-ta-le!!!

      Elimina
  3. Eh si cuccioletto. Anche io regredii quando nacque mia sorella, pero' poi passa :) vi abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh se il piccoletto diventa come te... mi va bene :)

      Elimina
  4. Secondo me, stai andando benissimo.
    Baciotti
    Raffaella

    RispondiElimina
  5. Il mio "ragazzo" ha sofferto di gelosia come la descrivi, esattamente cosi. Ora va meglio ma che faticaaa e tu ragazza come stai? Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vedi che sei sempre cinque passi avanti a me ;) dai, dammi due dritte
      Io? Ah già, ci sono pure io eh eh me la cavo perché sono molto aiutata e perché lei dorme bene la notte, ma la fatica c'è. Sono però pazzamente innamorata dei due piccoli mostri

      Elimina
    2. Bene, e' importantissimo che non ti dimentichi di te stessa e che tu abbia gli adeguati, giusti e necessari aiuti!

      Elimina
  6. Ti leggo oggi per la prima volta ma vedo che siamo alle prese con lo stesso mostriciattolo.. Anch'io ho appen parlato della gelosia tra fratelli..! La mia prima è un po' più grande, ma non c'è scampo comunque...però passa, passa davvero.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta!
      Allora appena riesco scappo a leggere i tuoi post, viaggiare in compagnia rende sempre più piacevole il viaggio no?

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)