martedì 29 gennaio 2013

Di traverso

Traverso: /tra'vɛrso/ [lat. transversus "trasverso"]
agg. che interseca, taglia una linea presa come riferimento ■ Trasversale: che si dispone obliquamente rispetto ad una linea di riferimento ■ espressioni: Mettersi di traverso: fig., ostacolare l'attività di qualcuno ≈ (fam.) mettere i bastoni tra le ruote, osteggiare, remare contro.
Contrario: agevolare, favorire. (Fonte: Treccani on line)

Dopo 8 mesi di idillio, in cui non ho fatto che lodarla e dire quanto fossi sorpresa di una gravidanza così serena e senza intoppi (chi mai scorderà i quattro mesi e mezzo passati tra letto e divano aspettando Piccolo Uomo, brr...) l'Intrepida ha alzato la mano e fatto un gesto teatrale. Per essere precisi venerdì il gine ci ha detto che - senza che io me ne accorgessi, of course - ha fatto una bella capriola e abbandonato la posizione cefalica per mettersi di traversotesta a sinistra, culetto in basso, piedi e mani raccolti sotto le mie costole in alto a sinistra. Ecco spiegati quei dolori lancinanti che mi mozzavano il respiro e impedivano anche solo di appogiarmi sul fianco, argh.
 
D'altronde è figlia nostra, è genetico che sia rompiballe e dica la sua: noi due sciagurati ancora non siamo riusciti a trovare un'alternativa decente (e economicamente sostenibile, ahimé) a Villa Microbica, sul suo nome siamo in alto mare e 2 notti su 3 faccio incubi terrificanti sulle paure che di giorno cerco di combattere. Secondo me si è detta: mmm, qui butta male, 'sti due non son proprio pronti, meglio che io cerchi di attirare un briciolo di attenzione... male che vada, mi metto tranquilla di lato e gli do ancora un po' di tempo per preparare alla grande il mio benvenuto!
 
Che poi... possiamo darle torto?!? La pupa ha pure ragione, ma temo ignori i protocolli medici: se tra 4 settimane sta ancora messa così... zac! la tirano fuori a forza con un bel taglio cesareo, pure un paio di settimane in anticipo sul previsto. Che dopo il parto indotto di Piccolo Uomo avviato di mercoledì e conclusosi alle 6.33 di venerdì... ecco, non osavo immaginare di peggio e invece.

Una cosa è certa: nonostante il mio approccio chakrista alla vita, nonostante le mie meditazioni e respirazioni yoga, nonostante il mio desiderio di un parto naturale (sì, voglio partorire con dolore, embé?!?)... qualcosa non funziona, non so proprio indicare ai miei figli quale sia la via d'uscita, sigh.
 
 
Vado di cartelli stradali? Chiedo a una hostess di indicare il sentiero luminoso che indica le uscite di sicurezza? Mi appendo a testa in giù sul lampadario?
Stupidaggini a parte, se qualcuna di voi ci è passata ed è esperta di moxibustione, comunicazione prenatale o altre tecniche naturali si faccia avanti, please. Specialmente se avete indirizzi e contatti utili in Torino e dintorni. Vi sarò eternamente grata.

Sono disposta a mettermi in gioco. Perché anche se fifona di natura ormai una cosa mi è chiara: per mettere al mondo un figlio occorre chiudere gli occhi, fare un respiro profondo e poi buttarsi con fiducia dal portellone dell'aereo... in qualche modo il paracadute si aprirà.

12 commenti:

  1. La mia bimba e' nata prematura con parto cesareo d'urgenza alla 34 esima settimana, mio figlio e' nato con due settimane di ritardo con parto naturale provocato. Risultato x i bimbi: sono grazie a dio entrambe sani come pesci ma la differenza (e ovviamente non sara' x il parto ma te lo dico lo stesso) e' che la bimba, che ha dovuto lottare fin dal giorno uno della sua vita x la sopravvivenza, e' un mare in piena, una tempesta, irrefrenabile e solare simpatica allegra e.... Insonne. Odia che qualcuno la tocchi e detesta i medici: come darle torto? A 12 ore di vita e' stata messa su un elicottero e maneggiata visitata etc etc da medici neonatali x un mese. Il maschietto: attaccato alla mamma, possessivo, curioso e non si ammala mai, mai. Lui rispetto alla sorella e' stato due mesi in piu' nella pancia! Due mesi!! Detto cio': se mi dovessero chiedere cosa preferisco tra cesareo e parto naturale? Buona la prima. Cesareo forever.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia che nascita da brivido per la piccoletta! E comunque la penso pure io così, ci sono fior fiori di teorie su come il parto e la nascita in senso lato ci condizionino.
      Te lo dice una che è nata con il cordone ombelicale come collana ehm ehm
      Grazie x l'incoraggiamento!

      Elimina
  2. mannaggia non so aiutarti.
    proverò a convincerla a girarsi con la forza del pensiero
    tu però aiutami: mangia gelato
    che con gli zuccheri i pupatelli si esaltano e, muovendosi, magari torna in una posizione "normale"
    :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adelia, proprio quel che volevo sentirmi dire!

      Elimina
  3. Accidenti, non ho mai sentito nessuna amica che abbia dovuto ricorrere a tecniche di "ribaltamento" bimbi, mi spiace.
    Mio figlio anche è nato con parto indotto e taaaaanta pazienza, ma almeno era girato giusto già da mesi.
    Speriamo sia solo un breve scherzetto della piccola, arrabbiata perché innominata :))

    RispondiElimina
  4. Marzia cara, in effetti ti dirò... Mio marito mi ha fatto notare che il tanto decantato Piccolo Uomo era sì cefalico ma... girato di 180 gradi, fronte al posto della nuca! Non ti dico che impresa... quindi vediamo che succede, domani sera sento un'ostetrica che pratica la maxibustione, vediamo.
    Ehm ehm sì è ancora innominata, povera piccina

    RispondiElimina
  5. Arrivo qui proprio oggi, e scopro che tra poco ci sarà una meravigliosa creatura in più....che bella presentazione. Ciao sono Mamma Piky, abito in Umbria, ho un bambino di due anni e mezzo e sono alla 25esima settimana d'attesa. Sono felice di conoscerti, mi unisco ai tuoi follower e girovago un po' per il blog a leggermi qualche altro post. ......mi dispiace per la posizione, puoi sentire caso mai non si giri, di tentare la manovra per metterla a testa in giù, so che alcuni dottori la praticano con successo. Io sia nel primo che in questo secondo caso, mi sono beccata il cesareo, per dei problemi di salute, in più in anestesia generale e la cosa si ripeterà. :-(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta qui!
      Sì, le nostre vite sembrano assomigliarsi parecchio eh eh, dai vediamo che riusciamo a combinare tra tutte e due... L'unione fa la forza lo dico sempre, tra donne è bello aiutarsi, tra mamme indispensabile secondo me!
      Baci a Cestino e panzotta

      Elimina
  6. Cla era in posizione da subito. Non saprei dirti. So solo che a un certo punto, come per magia, si girano dal verso giusto! ottimista!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Vedere il bicchiere mezzo pieno è proprio quel che mi serve :)
      Benvenuta!

      Elimina
  7. intanto stai serena e vedrai che si gira! vorrà semplicemente farti capire che qualce decisione la vuole prendere anche lei...
    ma, nel caso, lo sai che a ciriè -vicino vicino- fanno la manovra (assolutamente non invasiva) di rivolgimeto podalico?
    guarda qua:
    http://www.genitorichannel.it/video/visualizzavideo/304/scelti-per-voi/rivolgimento-podalico-ospedale-cirie/Page-1.html
    (bacio e ovviamente in bocca al lupo!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fioly, grazie :)
      Sai che ti ho "vista" mentre mi dicevi queste parole? Con il tuo sguardo sempre ottimista, con quell'aria convinta di chi vede sempre il lato illuminato dal sole.
      Grazie x info, io per ora mi sono organizzata per provare la moxa a Chieri... vediamo che succede. Un bacio ai ragazzi

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)