lunedì 10 dicembre 2012

Auguri, Nonno Lupone

Lo dico sempre: quando nasce un bambino, la meraviglia irrompe nella tua vita. E spesso aggiungo: è una vera e propria rivoluzione, immagina che qualcuno lanci una bomba dentro casa e poi richiuda con delicatezza la porta. E tu resti dentro, brr.

Quando 27 mesi fa Piccolo Uomo ha fatto capolino nella nostra vita è stato così, una - faticosa e altrettanto bellissima - rivoluzione. Che le giornate son da capolvogere e gli equilibri tutti nuovi da inventare. E non vale solo per le mamme e i papà, ma per tutti: fratelli, nonni, zii, cugini, amici e chi più ne ha più ne metta.
Nonno Lupone, il mio papà, ne è la prova. È lui che principalmente cresce Piccolo Uomo da quando son rientrata al lavoro. Un esperimento all'inizio, che non vi dico i commenti fastidiosi sull'affidare un neonato ad un uomo, nemmeno giovane poi. Una bella scoperta dico oggi. (info di servizio per Nonna Pasticcia: tanto lo so che leggi i miei post, fai un bel respiro profondo e sorridi, prima o poi andrai in pensione, davvero, tranquilla che non ci sfuggi).

Tornando a Nonno Lupone, a 65 anni vi assicuro che è possibile:
- inviare sms e foto del piccoletto con la rapidità di un adolescente, ovviamente dopo essersi attivati un nuovo piano tariffario che preveda lo You&Me con la sottoscritta
- cucinare (riscaldare, vabbè non sottilizziamo) il pranzo per il piccoletto di casa, ben bilanciando carboidrati/proteine/vitamine
- cambiare pannolini e lavare culetti come nemmeno Tata Lucia saprebbe fare
- canticchiare un elenco infinito di canzoncine dei Beatles, arrangiamento per bambini incluso, saltellando per il soggiorno con Piccolo Uomo abbandonato sulla spalla quando c'è l'attacco di mammite
- passare i 3/4 della propria giornata sdraiati per terra accanto alla pista delle macchinine e alle costruzioni o, se proprio butta bene, seduti sulla minuscola seggiolina blu Ikea
- scaldare il latte alla temperatura desiderata da Piccolo Uomo (mamma no capace, nonno fa latte. ma no tesoro, oggi è sabato, mamma ci prova. no, mamma toppo caldo, no capace, nonno fa latte)
- alzarsi col sorriso alle 6.20 ogni mattina, perché a casa nostra prende servizio alle 7.00, dal lunedì al giovedì, e sa quando entra ma non sa quando esce perché la mamma proprio non rinuncia allo yoga o a una serata con le amiche e Papà Gabbiano quando serve è sempre al lavoro
- ricordarsi di comprare il latte fresco, infatti è alla domenica mattina che il piccoletto rischia il digiuno
- inventarsi ogni giorno nuove attività da fare: è vero al nido non ci va, ma Piccolo Uomo ha più impegni di me, un giorno in stazione a vedere i treni, un altro in ludoteca, a spasso in bus o in bici a far visita alle papere
- avere un'infinita pazienza, che le due volte (2!) che lo abbiamo visto quasi sgridare il piccoletto io e Papà Gabbiano abbiamo sorriso compiaciuti di nascosto, ahh allora anche i nonni sono umani...
- vestire ben bene Piccolo Uomo e essere già a spasso alle 8.30, anche in pieno inverno, mica c'è tempo da perdere
- perdere una scarpina sul bus e un ciuccio tra le rotaie, non siamo perfetti per fortuna.

Grazie, Nonno Lupone, anche se ti arrabbi quando dico grazie, ma siamo sereni nel sapere che il nostro tesoro più prezioso è con te. E buon compleanno, che per tenerti in allenamento hai visto che bella sorpresa ti abbiam fatto, tra poco arriva l'Intrepida e si comincia una nuova avventura!

12 commenti:

  1. evviva nonno Lupone
    mi dichiaro adottabile!
    ( non sporco, non abbaio e mangio da sola.. )
    :o)
    avercene di nonni così
    mi ricorda tanto il mio nonnino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai attenta che è un attimo e ti trovi arruolata anche tu :)
      Che Nonno Lupone andrebbe premiato già solo perché resiste impassibile al bla-bla-bla delle nonne in ludoteca o ai giardinetti.
      Un pensiero al tuo nonnino!

      Elimina
    2. sai quanti cuccioli d'uomo allietano la mia serata? :o)

      Elimina
  2. Evviva questo nonno cosi attento e presente! Mi chiedo sempre come farei senza i miei genitori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah proprio non lo so. Tutti gli aiuti sono benvenuti e fondamentali, l'ho imparato presto. E poi per i piccoletti è molto importante sviluppare una relazione coi nonni, il mio Piccolo Uomo fa cose diverse con ognuno dei 4 nonni, ma li cita sempre.

      Elimina
  3. Evviva il Nonno che si è messo in gioco :)
    Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Generosi noi a offrirgli la possibilità ;)

      Elimina
  4. Questo post è bellissimo: perché ci racconta una grande verità..i nonni sono una risorsa inestimabile!
    Ari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ari e benvenuta!
      Hai proprio ragione, indispensabili per mille motivi! Non solo pratici ;)
      Poi il legame che ognuno crea con i propri nonni è unico, diverso con ciascun nonno, almeno per me è stato così.

      Elimina
  5. Ho appena scritto un post sulla nonna di mo figlio, nonche mia madre. Loro sono una fonte di ricchezza enorme.
    Baci e auguri al nonno.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto al volo il tuo post e non ho lasciato un commento, son pessima sorry... Hai ragione Raffaella, è proprio così!
      Che nonne saremo? Brr... dici che mi porto troppo avanti?

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)