lunedì 24 dicembre 2012

Il Natale porta certezze



In questi giorni Villa Microbica è popolata da grandi speranze e certezze assolute… oltre che da tosse, febbre galattica, nasini gocciolanti e sciroppo come se piovesse. Vabbè, per stasera dovremmo tornare in pista.

Certezza 1. Ta poco ajva Babbo Natae con (r)enne e Flip
ndr licenza poetica, nel libro che da un mese leggiamo più e più volte al giorno Flip è il nome del pinguino che porta i doni insieme al vecchietto panciuto

Certezza 2. Io lasso (l)atte e bicotti pe Babbo Natae e (r)enne, quando vene manja e poi lassa egali pe me
direi che è sempre una buona cosa accogliere gli ospiti con le dovute accortezze

Certezza 3. Io tato bavo bavo, Babbo Natae potta tanti egali, anche uno piccoo pe Nonno Upone e uno gande pe Nonna Paticcia 
e per mammina bella, tesoro?!? Sono io che da mercoledì sopporto stoicamente la clausura stretta stretta a te, ti assicuro che essere in ufficio il 24/12 mattina mi è sembrato un piacevole diversivo

Che ne dite? Un Natale davvero magico è alle porte, forse vale la pena di guardarlo da una diversa prospettiva, quella sotto il metro di altezza :)

Auguro a tutti voi un Natale di speranza, 
ma anche di solide certezze.
Ce le meritiamo, tutti.  

8 commenti:

  1. Che bell'augurio, grazie!
    Buon Natale anche a voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie Robin!
      Vi auguro un felice Natale, un abbraccio

      Elimina
  2. Forte il tuo bimbo ;-) solide certezze: ne abbiamo bisogno cosi come della speranza, spero davvero in un anno ricco di positive sorprese. Auguri cara!

    RispondiElimina
  3. In leggero ritardo, ma tanti auguri anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ormai possiamo dirci... buon anno!
      Eh sì che questo lo sarà ;)

      Elimina
  4. beati i bambini... sempre pieni di incrollabili certezze. forse dovremmo imparare qualcosa da loro?
    (buone vacanze, anche da qui)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La certezza che il prossimo anno andrà meglio, è facile ;)
      Baci

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)