lunedì 24 settembre 2012

Il cavallo bianco, ovvero la sottile arte di aggirare l'ostacolo

Dove eravamo rimasti? Ah, già: il piccoletto fa il suo ingresso ufficiale nei famigerati terrible twos e noi, incoscienti quanto ottimisti, siamo ormai lanciati verso nuove avventure.
Ve l'assicuro, a volte capita: il bottone dei jeans che fatica a chiudersi ne è la prova. Capita di desiderare da sempre qualcosa e di ottenerlo così, senza quasi pensarci, senza salire a piedi scalzi la montagna o focalizzare a lungo dove vuoi arrivare. E ancora non sembra vero, perché se da bambina impari che senza sudore e impegno non si ottiene nulla, finisci per crederci davvero: oggi direi che a volte va così, ma non sempre sempre, e una buona dose di fortuna e incoscienz leggerezza possono essere la carta vincente.

Torniamo ai terrible twos. Raramente mi lagno sul blog, ma tante volte mi chiedo se Piccolo Uomo abbia finalmente fatto amicizia con le parole solo per argomentare meglio i suoi no, perché vi assicuro che la sillaba   deve aver fatto la stessa fine di una tessera del puzzle dell'orso: sicuramente è da qualche parte in casa, ma risulta dispersa e introvabile.

Piccolo Uomo è un gran furbo o, se preferite vederla come zia Ecca, intelligente. A 15 anni mi farà a pezzettini, brr, o forse anche prima come questa mattina commentava sorridendo una collega.
Questi i fatti, giudicate voi: stiamo finendo di cenare in una di quelle meravigliose e rare sere in cui siamo tutti e 3 contemporaneamente seduti a tavola, Papà Gabbiano si sa, lavora lontano e spesso arriva tardi. Piccolo Uomo scende dal seggiolone dopo aver spazzolato tutto, mentre noi stiamo ancora sbucciando la frutta.

Mamma, tanco sono. Vojo ciuccio. Ciuccio vojo.
Tesoro, stai facendo nanna? No, allora lo sai, niente ciuccio. Dopo, insieme al pigiamino.
No, no. tanco tanco. Vojo ciuccio.
Amore, dai inizia a giocare da solo, tra poco arriviamo.
No, noooo...
Amore, la mamma ti darà il ciuccio quando tu le porterai un cavallo bianco. Vedi Papà Gabbiano, è inutile farsi trascinare a far braccio di ferro, molto meglio distrarlo col sorriso.
- silenzio per qualche minuto, poi dal soggiorno arriva una vocina sottile -
Caallo mamma, potto io - sospiro di fatica - Caallo mamma, potto io - sospiro di fatica - Caallo mamma, potto iooooo.


Tempo zero e sotto la mia sedia c'è il pesante cavallo a dondolo di Piccolo Uomo.
Mi son messa a ridere e ho tentato di spiegargli che il suo cavallo di legno non è bianco ma tutto colorato, ma son crollata davanti ai suoi occhioni sgranati di stupore, che gli ho letto nel pensiero:  già la mamma fa richieste imbecilli, se adesso si mette a cavillare sui colori...



Fine della storia: Piccolo Uomo ha avuto il suo ciuccio e Papà Gabbiano ancora ride di me, ah ah.

  

12 commenti:

  1. Ti ha fregato! Ma quanto son furbi? Lo so lo so...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovevi vedere lo sguardo mentre trascinava il cavallo! Se a due anni mi mette nel sacco, mmm... :)

      Elimina
  2. Io ho smesso da tempo di oppormi a richieste che non ritengo assolutamente terribili ... tanto mi batte sempre sulla logica e se sono illogica mi massacra ... diciamo che per l'adolescenza sarò già preparatissima.
    Ma come avresti potuto opporti ad una tale richiesta motivata? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così marzia, sagge parole.
      Rinuncia a impuntarsi ma non a spuntarla, sembra me, brr ih ih

      Elimina
  3. ma che bello il tuo modo di raccontare: frizzante, diretto, coinvolgente. Quasi quasi mi viene voglia di fare la mamma anch'io. Notte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie (sono arrossita).
      Torna a trovarmi se ti va :)

      Elimina
  4. Ahah, fortissimo! Credo che anche io avrei capitolato davanti a questa scena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, una comica, l'ho sempre detto che tra i due e i tre anni sono davvero spassosi.
      Per la cronaca, oggi mi ha detto: gande io vojo caallo
      e io, non paga, come lo chiamera, tesoro?Bianco!
      ah ah ah

      Elimina
  5. grande Piccolo Uomo. mi sa che sì, spiace dirtelo, ma temo non dovrai aspettare i 15 anni;)

    RispondiElimina
  6. Se passi da me, c'è una sorpresa per te!

    RispondiElimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)