giovedì 28 giugno 2012

Aperto per ferie

Non mi piace il silenzio, non mi è mai piaciuto. Detesto la sensazione di vuoto, di non detto, di qualcosa che manca.

Ma non è questo il caso. Il mio silenzio degli ultimi giorni su questo blog è di un altro tipo: è un silenzio fatto di respiri profondi dal centro dell'ombelico, di aria che annuso, di sole che respiro attraverso ogni centimetro di pelle, di energie nuove che cerco di attrarre.

Sono qui che osservo preoccupata quel che mi accade intorno e cerco di farmi un'idea, che sia davvero mia, su quel che è stato e su quel che sarà.
Soprattutto provo a "sentire" il mio futuro: il meglio che riesco a fare è immaginarlo come il mio presente di domani.

Lavori in corso, aperto per ferie.
Torno subito.

2 commenti:

  1. Ciao cara, io ti leggo sempre e non sempre ti lascio un commento... non perchè io non lo voglia fare, ma perchè quello che scrivi spesso è talmente profondo e completo da se, che mi sembrerebbe di scrivere una cavolata in confronto!!
    Spero sia tutto ok... a presto! Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per essere passata di qui e per aver lasciato un commento. Questo blog nasce per condividere un percorso e il confronto con gli altri fa parte della strada di ognuno di noi, vero?
      Quindi grazie per le tue belle parole che mi hanno emozionata ma aggiungo: non essere timida come me ;) lascia il tuo commento quando hai voglia di dire qualcosa, ognuno di noi a suo modo ha una storia da raccontare e pensieri da condividere.
      A presto!

      Elimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)