domenica 13 maggio 2012

A me

A me, che a 13 anni una notte ti ho sognato con i ricci al vento e lo sguardo vispo, e per anni mi son chiesta quando ci saremmo incontrati.

A me, che a 20 andavo fiera del mio forte istinto materno, e infatti ancora non ho capito perché mi pagassero per fare la baby-sitter.

A me, che a 32 temevo di perderti per strada e son rimasta placida per mesi sul divano, e ho seguito il mio destino di chioccia che cova il suo pulcino.

A me, che a 33 per metterti al mondo ho fatto pace col dolore, e finalmente mi son ricordata che a volte porta frutto.

A me, che a 34 ho aperto questo mommy blog sapendo che è solo un pesciolino rosso nell'oceano della rete, e ho fatto un salto indietro di vent'anni quando senza temere giudizi scrivevo per ore.

A me, che a 35 canto stonata stella-stellina mentre ti guardo scivolare nel sonno, e ancora annuso l'aria.

A me, che questa notte resto in piedi per fermare i pensieri e ultimare il risultato dei nostri pasticci con la pasta di sale, e quasi non riconosco me stessa. 

A me, che scrivo e intanto sorrido e a chi passa a trovarmi qui, buona festa della mamma.

7 commenti:

  1. buona festa della mamma a te che sei sempre piena di energie.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e auguri anche a te!
      E non dimenticare che ognuna di noi a suo modo è una mamma speciale :)

      Elimina
  2. Sei forte! Te la sei scritta e cantata! Brava e fiera!
    :-))

    RispondiElimina
  3. Fiera o presuntuosa? Speriamo la prima ;)
    E' che sto provando a chiedere a me stessa prima che agli altri di riconoscere i miei punti di forza... Ci riuscirò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, ho fatto un pasticcio, era la risposta x kike ehm ehm

      Elimina
  4. A noi che, nonostante tutto ;-)), siamo sempre qui orgogliose e fiere di essere mamme..

    RispondiElimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)