venerdì 30 marzo 2012

Coming out

Sono timida.
Arrossisco per un nonnulla.
Mi arrabbio facilmente.
Spesso penso che chi mi sta di fronte sia 100 volte più in gamba di me.
Insomma, nel bene e nel male, sono una persona emotiva (uhm, forse il titolo del blog mi rappresenta più di quel che penso).

Nonostante tutto questo comincio a fare... coming out.

Questa sera ho detto alle mie amiche: ragazze, ho un blog.
E sentivo le guance diventare tutt'uno con la montatura rossa dei miei occhiali. E sentivo la schiena irrigidirsi per il timore del giudizio altrui.

Ma, lo scrivevo già qualche giorno fa, io sono una persona fortunata.
Ero con le mie amiche, in quella preziosa bolla di vita in cui non sono mamma, moglie, figlia o professionista, ma semplicemente trovo spazio per me stessa.
E potevo correre il rischio di mostrarmi per come sono, con tutto il mio bagaglio di stranezze, contraddizioni e fragilità. Persino ammettere che io, snob anti-social che preferisce coltivare le relazioni di persona, ho ceduto al fascino della condivisione dei pensieri in rete.

Ecco. Capitano serate come questa, doppiamente preziose dopo una giornata buia, e mi ritrovo a scrivere in piena notte un post dal cellulare.
E a sorridere.
Perché questa sera, oltre alle guance rosse e alla schiena tesa, ho sentito il mio cuore allargarsi :)

E voi, con chi parlate del vostro blog?

7 commenti:

  1. rossa, eri proprio rossa ieri sera!!! un bacio EMB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, lo so... Bello sapere che sei passata di qui! Baci

      Elimina
  2. Ciao, anche io ho fatto uscire da poco i miei pensieri dai cassetti e non sono in molti a saperlo. Però le amiche o le colleghe con cui condivido tante ore, bè sarebbe quasi impossibile nasconderglielo. Un blog è davvero qualcosa di appassionante, credo sia bello condividerlo con chi si vuol bene. Mi hanno fatto sorridere le prime tre righe di questo post, definiscono piuttosto bene anche mio figlio! Buon proseguimento di avventura ...

    RispondiElimina
  3. Grazie Marzia e un bacio al tuo piccolo che a quanto pare mi assomiglia :)

    RispondiElimina
  4. ciao,sono una tua nuova follower!! brava che hai detto del blog alle tue amiche! io ce l'ho da 2 mesi e a parte maito e genitori non lo sa nessuno... Serena

    RispondiElimina
  5. Io ne ho parlato con mio marito che poi è il creatore del sito, con la mia collega che ho di fronte e che sarebbe stato impossibile non parlarne e qualche amica. In realtà sono moooolto timida sull'argomento, credo diventerei rossa pure io!
    kike

    RispondiElimina
  6. Io ho deciso di scrivere un mio blog per 1000 ragioni: per conservare i miei ricordi, per ritagliarmi del tempo solo mio, per sfogarmi nei momenti di sconforto...
    Non tutti sanno di questo spazio. E non ne parlo molto. Chi vuole, dei miei amici/amiche ci fa un salto e legge. Mi spiace solo che nessuno, o pochissimi, lascino un commento..piuttosto mi mandano una mail..

    RispondiElimina

Ascoltare e raccontare, è un po' la stessa cosa. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l'immaginazione aperta (Antonio Tabucchi)